Arrivano dal passato i telefoni che valgono realmente una fortuna o quasi. Modelli storici che hanno segnato un’epoca.

Ogni epoca ha il suo telefono cellulare che lo ha contraddistinto nel corso degli anni. Telefoni che sono apparsi in film e che sono stati utilizzati nella vita di tutti i giorni. Oggi giorno sembrano dei dispositivi completamente fuori da ogni logica e da ogni possibile utilizzo pratico, ma ai tempi erano il “top di gamma”, telefoni in grado di coprire ogni esigenza dell’epoca e capaci di diventare un trend.

Niente touchscreen, nessun display 4K e riconoscimento del volto o dell’impronta digitale, ma semplicemente telefoni cellulari “portabili”.

Mobira Senator

Classe 1981, ma inconfondibile per la sua bizzarra dimensione e per la peculiarità di essere estremamente scomodo. Infatti è un telefono collegato ad un apparecchio portatile, che nel complesso pesava più di 3 kg, ed è stato uno dei primi tentativi di approccio alla telefonia senza fili. Nelle aste internazionali, i fortunati possessori di questo gioiellino potrebbero portare a casa fino a €1000.

Motorola DynaTAC

Questo telefono risale al 1984 con una tiratura di soli 30.000 pezzi, dettaglio che lo rende ancor più appetibile e prezioso. Con il suo peso di quasi 1 kg e un design discutibile nelle tonalità di bianco, fu in assoluto il primo portatile della storia. Una durata di standby di quasi 8 ore e un display futuristico a LED, che lo resero definitivamente rivoluzionario per l’epoca: il prezzo di vendita come modello sfiora anche qui i €1000.

Nokia 3310

Per chi è nato negli anni ’80 e a vissuto la giovinezza nei mitici anni ’90, riconoscerà senza ombra di dubbio il mitico Nokia 3310. Con il suo design minimale e inconfondibile, nonché la leggendaria resistenza che gli è valso il soprannome de “l’indistruttibile”, questo modello può fruttare fino a €300 se tenuto in ottime condizioni con tutti gli accessori e confezione originale.

Ericsson T10

Era il 1996 e il T10 faceva il suo ingresso sul mercato, col mitico sportellino apribile della tastiera. Avere il T10 era per veri intenditori, per coloro che potevamo permettersi uno dei telefoni più piccoli e di classe del periodo. Se in perfette condizioni, può valere la riguardevole cifra di €2000 per i veri appassionati.

Motorola Startac 70 Rainbow

Un modello assolutamente unico, lo potremmo paragonare alle limited edition a cui oggi siamo abituati, che faceva dell’apertura a conchiglia e del proprio aspetto multicolor la sua cifra distintiva. Antenna estraibile e display a let mono-riga, con una batteria che non era tra le più leggere, il Motorola Startac è sicuramente uno di quei prodotti ancora ben saldi nella memoria della persone. E se di cifre dobbiamo parlare, anche questo gioiellino ben conservato può arrivare a valere la bellezza di €500.

Nokia 8800 Gold Arte

Ancora una limited edition, ma stavolta per davvero, perché il modello 8800 dell’imperatrice Nokia era completamente placcato in oro con degli inserti in vera pelle. Era un classico Nokia, non aveva nulla in più di un Nokia 3310, ma il fatto di essere costruito con materiali decisamente premium, lo rendeva un prodotto per pochi. Nelle aste online, sono stati guadagnati dalla sua vendita ben €1000.

Per non perderti notizie, nuovi articoli e video, segui la mia Pagina Facebook ed iscriviti al Canale YouTube. Puoi restare aggiornato anche attraverso il canale Telegram.