Post aggiornato in data 26 Ottobre 2018

guadagnare_sito_web

Molte persone che iniziano a scrivere sul web hanno uno scopo ben preciso, far soldi. Ma è veramente così facile riuscire a guadagnare?

Il fenomeno legato al guadagno tramite il proprio sito web è in via di espansione, ci si prova in ogni modo, ma quali siano le tattiche più affidabile e veloci alla portata di tutti?

Cercherò di riassumere e semplificare al massimo questo mondo, dando delle piccole dritte, in quanto si rischia di entrare in un sistema di web marketing che a noi in questo caso non interessa.

Le vie principali da prendere per poter guadagnare sfruttando il proprio sito web sono:

In tutti questi casi, lo scopo principale e far cliccare il visitatore o far guardare qualcosa, ed essendo tecniche alla portata di tutti, chiunque può mettere sul proprio sito un link che rimanda ad un servizio pubblicitario.

Ma arrivando al dunque, se siete interessati ad acquistarvi un appartamento o il macchinone, sappiate che la strada è lunghissima. Infatti tutti questi servizi, di cui sotto troverete i link, per monetizzare pretendono un certo quantitativo di visualizzazioni.

I numeri variano, ma siamo sull’ordine di 0,0001 centesimi a click, quindi per poter arrivare a guadagnare 1 euro, potrebbero volerci mesi (in base al traffico del sito) e sopratutto, dovrete fornire qualcosa per cui qualcuno clicchi, no click no money!

Attualmente i portali provati, cercati in base alle recensioni e all’affidabilità che questi danno in rapporto alla reputazione sul web sono:

  • AdFly: sito che permette di generare link e di creare campagne mirate
  • Openload: servizio di hosting, che garantisce uno spazio illimitato e permette oltre al guadagno per file scaricato, anche per video visto (laddove inserito).

Entrambi i citati, permettono di accreditare il guadagno direttamente sul conto PayPal evitando così di inserire conti correnti, numeri di carte e altri dati personali. Quindi nel caso vi capitasse un servizio analogo, fate attenzione a quali dati fornire.

Se vi state chiedendo perchè ho provato solo questi due servizi su tutti quelli presenti in rete, è semplicemente perchè non è consigliabile intasare il proprio sito di link pubblicitari, in quanto il rischio di far scappare il visitatore è molto concreto. Sono dell’idea che è meglio avere un click in meno e offrire un servizio migliore, piuttosto di 200 click e non permettere a chi visita il mio blog di ottenere quello che cerca.

Infine, vi è il Web Advertising che permette di includere nel proprio sito della pubblicità come Banner, Sponsor e molto altro.

In questo caso diventa più difficile, in quanto per poter includere gli AD (forse è più conosciuta l’app per bloccare questo tipo di pubblicità, mi riferisco ad AdBlock) bisogna garantire un numero minimo di visualizzazioni e di traffico sul proprio sito web.

Per concludere ricordatevi che i guadagni sono sempre rapportati al traffico del sito, un sito grande ha più possibilità di uno piccolo, di conseguenza crescere nel web gioverà alle vostre tasche.