Post aggiornato in data 26 Ottobre 2018

google_pagespeed_insights_01

Quando si crea un sito o si apportano modifiche è sempre utile prendere in considerazione alcuni parametri per verificare se il lavoro fatto ci ha permesso di creare un sito veloce e senza problemi. Grazie a Google PageSpeed Insights è possibile misurare in che modo migliorare il rendimento.

PageSpeed Insights misura il rendimento di una pagina per dispositivi mobili e dispositivi desktop. Recupera l’URL due volte: una per lo user-agent per dispositivi mobili e una per lo user-agent per dispositivi desktop.

Il punteggio PageSpeed va da 0 a 100 punti. I punteggi più elevati sono migliori. Più in particolare, un punteggio di almeno 85 indica un buon rendimento della pagina. Tieni presente che PageSpeed Insights viene costantemente migliorato. Pertanto, il punteggio viene modificato man mano che vengono aggiunte nuove regole o che viene ottimizzata l’analisi.

google_pagespeed_insights_02

Il check che viene fatto è molto severo e minuzioso, quindi non stupitevi se i punteggi ricavati non sono alti.

In base ai colori, abbiamo una determinata legenda:

punto esclamativo rossoLa risoluzione di questo problema avrebbe un impatto misurabile sul rendimento della pagina.
punto esclamativo gialloValuta la risoluzione di questo problema se non si tratta di un’operazione troppo complessa.
segno di spunta verdeNessun problema significativo rilevato. Ben fatto!

Il rendimento di una connessione di rete, tuttavia, varia considerevolmente. Pertanto, PageSpeed Insights considera soltanto gli aspetti del rendimento della pagina che non dipendono dalla rete: la configurazione del server, la struttura HTML di una pagina e il relativo utilizzo delle risorse esterne quali immagini, file JavaScript e codici CSS.

L’implementazione dei suggerimenti dovrebbe consentire di migliorare il rendimento relativo della pagina. Il rendimento assoluto della pagina, invece, continuerà a dipendere dalla connessione di rete dell’utente.