Come Potenziare il MacBook del 2015 e non solo

In questo tutorial vi spiego come potenziare il MacBook Pro del 2015 aggiungendo un nuovo Hard Disk da 960GB.

Essendo un modello ancora molto utilizzato e ancora molto valido per l’ambito lavorativo e non solo, ho voluto dargli un po’ di linfa vitale, aggiungendo più memoria.

A differenza dei normali portatili, i mac quando escono dalla fabbrica hanno una pre-configurazione base che ne limita la possibilità di poter effettuare un upgrade di tutte le componenti, per questo mi sono focalizzato sull’unica parte che potevo potenziare.

Infatti dal modello 2015 in poi, Apple ha ridotto ulteriormente la possibilità di poter effettuare integrazioni sui portatili. Addirittura nelle nuove versioni con TouchBar deve essere tutto configurato prima e una volta in vostro possesso, non potrete più aggiungere memoria e ram, ma sarete vincolati dalla scelta iniziale perchè tutte le componenti sono saldate direttamente sulla scheda madre.

Il tutorial e l’hard disk utilizzato sono validi anche su tutti i modelli antecedenti che hanno ancora il vecchio design, nello specifico:

  • MacBook Air 11″ e 13″ (Metà 2013 – 2017)
  • MacBook Pro Retina 13″ e 15″ (Fine 2013 – Metà 2015)
  • Mac Mini (Fine 2014)
  • Mac Pro (Fine 2013)

Hard Disk: quale modello acquistare?

Il primo passo è di procurarsi il disco da sostituire, io vi consiglio il Transcend JetDrive 820 che ha la massima compatibilità e le prestazioni in lettura e scrittura più performanti. Il prodotto viene venduto in tre tagli di memoria: 960, 480 e 240 GB.

Transcend TS960GJDM820 JetDrive 850 SSD 960 GB per MacBook Air 11" & 13" (Metà 2013 - 2017), MacBook Pro Retina 13" & 15" (Fine 2013 - Metà 2015)
  • Custodia Thunderbolt non inclusa e non venduta separatamente
  • Richiede un dispositivo con sistema operativo macOS Yosemite (10.10) o successivo
  • Compatibile con MacBook Air 11" & 13" (Metà 2013 - 2017), MacBook Pro (Retina) 13" & 15" (Fine 2013 - Metà 2015), Mac mini (Fine 2014), Mac Pro (Fine 2013)
  • Fino a 950 MB/s in lettura e 950 MB/s in scrittura
  • Cacciavite/software per l'aggiornamento inclusi, nessun bisogno di strumenti aggiuntivi
Transcend TS480GJDM820 JetDrive 850 SSD 480 GB per MacBook Air 11" & 13" (Metà 2013 - 2017), MacBook Pro Retina 13" & 15" (Fine 2013 - Metà 2015)
  • Custodia Thunderbolt non inclusa e non venduta separatamente
  • Richiede un dispositivo con sistema operativo macOS Yosemite (10.10) o successivo
  • Compatibile con MacBook Air 11" & 13" (Metà 2013 - 2017), MacBook Pro (Retina) 13" & 15" (Fine 2013 - Metà 2015), Mac mini (Fine 2014), Mac Pro (Fine 2013)
  • Fino a 950 MB/s in lettura e 950 MB/s in scrittura
  • Cacciavite/software per l'aggiornamento inclusi, nessun bisogno di strumenti aggiuntivi
Transcend TS240GJDM820 JetDrive 850 SSD 240 GB per MacBook Air 11" & 13" (Metà 2013 - 2017), MacBook Pro Retina 13" & 15" (Fine 2013 - Metà 2015)
  • Custodia Thunderbolt non inclusa e non venduta separatamente
  • Richiede un dispositivo con sistema operativo macOS Yosemite (10.10) o successivo
  • Compatibile con MacBook Air 11" & 13" (Metà 2013 - 2017), MacBook Pro (Retina) 13" & 15" (Fine 2013 - Metà 2015), Mac mini (Fine 2014), Mac Pro (Fine 2013)
  • Fino a 950 MB/s in lettura e 950 MB/s in scrittura
  • Cacciavite/software per l'aggiornamento inclusi, nessun bisogno di strumenti aggiuntivi

Procedimento

Se acquistate un hard disk Transcend JetDrive 820, inclusi nella confezione, oltre al disco, ci saranno anche due cacciaviti:

  • Pentabolo – P5: da utilizzare per svitare e smontare il case del pc
  • Torx – T5: da utilizzare per svitare e smontare le viti che fissano l’hard disk

Una volta che abbiamo tutto il materiale, si può procedere con lo svitare e il dispositivo facendo molta attenzione a non applicare troppa forza. Le viti sono molto delicate e basta poco per rovinare la filettatura.

In fase di smontaggio, per evitare problemi dopo, mettere da parte le due viti in alto nella zona centrale (segnate in rosso), in quanto sono più piccole rispetto alle altre.

Tolta la parte che ricopre le componenti elettroniche, avremo subito accesso all’hard disk, il quale è fissato con una piccola vite. Anche in questo caso, con delicatezza svitate e rimuovete il vecchio disco e inserire quello nuovo facendo attenzione al verso della linea presente sia sul disco che sulla scheda madre del computer.

Terminato l’assemblaggio, non vi resta che richiudere tutto e la sostituzione è finita. Adesso non vi resta che installare nuovamente il sistema operativo (il disco nuovo è completamente vuoto).

Installazione del Sistema Operativo

Per questo passaggio ci sono due opzioni: la prima prevede di entrare della modalità recovery particolare, che farà partire l’installazione del macOS in modo del tutto automatico semplicemente collegando ad internet e lasciando che il mac faccia tutto da solo.

  • Premere e tenere premuta la combinazione di tasti: CMD + R e sempre tenendo premuti questi due tasti accendere il mac. Non rilasciate CMD + R finchè non vi apparirà una schermata che vi chiederà di collegare il pc alla rete internet.

La seconda opzione è leggermente più macchinosa e prevede una preparazione iniziale. Se riscontrare problemi con l’installazione del macOS tramite da Recovery Mode spiegata precedentemente, vi consiglio di guardare questo mio video tutorial: Installare macOS su qualsiasi Mac tramite Chiavetta USB

Per non perderti notizie, nuovi articoli e video, segui la mia Pagina Facebook ed iscriviti al Canale YouTube. Puoi restare aggiornato anche attraverso il canale Telegram.